Angkor in un giorno solo

Siem Reap in Cambogia è nella lista dei desideri di tutti i viaggiatori.

Il complesso archeologico di Angkor è uno dei più antichi e importanti del Sud-est asiatico, per non parlare del fatto che è inserito nella giungla Chi non non è intimorito dalla grandezza che è il tempio maggiore di Angkor Wat ? Come non meravigliarsi dinnanzi agli alberi giganteschi (Ficus religiosa) che si sono fusi alla struttura del Ta Prohm?

Visitare Angkor può essere impegnativo e richiede concentrazione e un minimo di preparazione storica, altrimenti dopo un po’ si ha la sensazione di osservare una sequenza ripetitiva di elementi architettonici e rappresentazioni artistiche.
Il desiderio di fare tappa ad Angkor può nascere dalla volontà di giungervi dalla Thailandia, con un volo da Bangkok o night-bus (soluzione molto più economica e un pò più avventurosa di per sé). É possibile voler associare la visita ad Angkor da un toru del vietnam, dopotutto Ho Chi Minh non è così lontana da Siem Reap.

Quindi, se sarai lì solo per un breve periodo ecco alcune cose che potrai fare per massimizzare il tuo tempo a Siem Reap.

Guarda l’alba ad Angkor Wat.

Una volta arrivato nel tuo hotel o guest-house, chiedi immediatamente assistenza per l’assunzione di un tuk-tuk per andare al Parco Archeologico di Angkor.

Il sito è a circa 10 km dalla città, quindi se vuoi vedere il sole sorgere sopra il tempio (cosa che dovresti davvero provare!), dovresti lasciare l’hotel intorno alle 4 del mattino. Il presso per il trasporto privato è di circa $ 12-17 (come sempre dipende dalla tua capacità di contrattazione).
Il pass per un giorno per il complesso di Angkor è di $ 37 USD. Una volta dentro, verrai subito ripreso dal tuo autista di tuk-tuk per per iniziare la visita del parco.

La maggior parte della gente attende l’alba sedendosi sulle ‘comode’ sedie di plastica rosse vicino al baray minore (lago); pessima scelta! L’alternativa migliore è quella di sedersi sui gradini della biblioteca, dietro la folla. La veduta è decisamente grandiosa.

Una volta che il sole sarà completamente su, entra nella gallaria esterna del tempio di Angkor Wat. Preparati ad ammirare la raffinetezza dell’impero Khmer. Le enormi pietre giustapposte l’una sull’altra sottolineano l’abilità artistica del popolo Khmer, e i dettagli nei numerosi fregi in bassorilievo che ritraggono le storie del Ramayana e del Mahabharata sono sorprendenti.

Prasat Kravan, il santuario del Cardamomo.

Dopo Angkor Wat, chiedi di essere portato a Prasat Kravan. questo tempio prende il nome dagli enormi alberi che un tempo venivano piantati nell’area circostante. Si tratta di un piccolo complesso di cinque torri del tutto diverso da Angkor Wat. La meravigliosa muratura in mattoni e le singolari incisioni in pietra sono uno spettacolo da non perdere.

Prasat Kravan, foto A. Di Paolo.
Prasat Kravan, foto A. Di Paolo.

Le torri del Prasat Kravan sono rivolte a est, ma solo in due la sovrastruttura del prasat (torre santuario) è integra. Anche se non sono così alti, il modo in cui sono costruiti crea un’illusione di altezza. La curiosità del tempio è che non è stato costruito con malta o cemento, ma tutti i suoi mattoni sono sati uni con una la gomma vegetale.

Prasat Kravan (frontale), foto A. Di Paolo.
Gli alberi giganti del Ta Prohm.

Se hai visto il film Tomb Raider con Angelina Jolie  sicuramente nel Ta Prohm riconoscerai  uno dei set principali del film! La vista degli alberi cresciuti all’interno, intorno e sulle strutture secolari è unica. All’ingresso un tempo si ergeva la Sala delle Danzatrici, orgoglio del tempio, oggi attraversa un lungo e complesso restauro delle sue innumerevoli colonne, grazie all’intervento dell’ASI indiana.

La maggior parte degli edifici del Ta Prohm è stata colonizzata da enormi ficus strangolatori, diventati più alti degli stessi templi.

Ta Prohm, ficus gigante foto di A. Di Paolo
Ta Prohm, ficus gigante, foto di A. Di Paolo
La foresta di pietra Bayon nel complesso di Angkor Thom

A parte il tempio di Angkor e il Ta Prohm, l’Angkor Thom (la cittadella) conserva al suo interno uno dei siti più popolari del parco. Il Bayon presenta più di 200 volti colossali in pietra scolpiti sulle 54 torri compresse in un’area molto ridotta, e molti di essi somigliano al sovrano buddista Mahayana Jayavarman VII.

A parte il tempio di Angkor e Ta Prohm, l’Angkor Thom è anche uno dei siti più popolari del parco. Il Bayon presenta più di 200 giganteschi volti sorridenti in pietra scolpiti nelle 54 torri compresse in un’area molto piccola, e molti di essi assomigliano al re buddista Mahayana Jayavarman VII.

Gli esperti concludono che quelle facce devono rappresentare il re (tu che ne pensi ?).

Bayon, foto di A. Di Paolo
Bayon, foto di A. Di Paolo

Guarda il tramonto dal Phnom Bakheng

Il Phnom Bakheng è il posto migliore per godersi il tramonto. É  possibile che una folla enorme di turisti converga contemporaneamente verso questo piccolo e ripido tempio-montagna. Dovrai arrampicarti per tempo sulla collinetta del santuario, facendo attenzione a non scivolare dagli ampi gradoni  Prima di salire, se vuoi sentirti come un re, fai un veloce lungo il perimetro del Phnom Bakheng sul dorso d’elefante per $ 20 USD.

Tramonto dal Phnom Bakheng.
Tramonto dal Phnom Bakheng.

Una volta giunti nel sanctum (dove era collocata la divinità) della vetta, vi gorerete intorno e  potrete godere della vista su gran parte dell’area archeologica di Angkor. Bisogna fare attenzione anche se il sole tramonta. Può essere pericoloso scendere attraverso la ripida gradinata nella scarsa luce del sole al tramonto, quindi fate ancora attenzione.

Dopo esservi rinfrescati nel vostro hotel, vai in Pub Street per soreseggiare una bottiglia di birra o semplicemente per cenare. Ci sono ristoranti con spettacoli di danza Apsara gratuiti, come nel Temple Bar, ma io che viaggio con un budget, ho appena optato per mangiare in uno dei numerosi ristoranti sul marciapiede.

Il cibo cambogiano, pur non essendo memorabile come il vietnamita o il thailandese, è abbastanza buono.

Prima di tornare in hotel, assicurati di visitare il vecchio mercato. Un paradiso per gli amanti dello shopping, qui puoi acquistare qualsiasi cosa, dagli onnipresenti portachiavi e calaminte da frigo, alle bellissime borse in paglia intrecciata, piccole sculture, tessuti di seta e libri.

Andateci prima della chiusura alle 23:00 i venditori sono solitamente più disponibili a trattare un po’ sul prezzo.

Suggerimenti per visitare il parco archeologico di Angkor

Se vuoi apprezzare al meglio i templi, informati un po’ sulla loro storia prima di andare. Può Puoi scaricare gratuitamente il Monuments of the Angkor Group di Mauric Glaize e una mini-guida con la mappa di The Angkor Guide, ma per glia altri downloads, controlla questo indice generale.
Porta sempre sempre almeno una bottiglia d’acqua! Il clima in Cambogia può essere impietoso durante la stagione estiva, durante la visita si perdono molti liquidi ed energie, quindi sii preparato.

Porta una torcia se pensi di vedere il tramonto sul Phnom Bakheng. L’oscurità scende piuttosto in fretta lì.

Il canto dei bambini.

Il canto dei bambini (“Un dollaro, per favore, solo un dollaro, un dollaro, solo un dollaro”, all’infinito) può diventare abbastanza fastidioso, ma prenditi del ​​tempo per parlare con loro, se non altro per interrompere il loro monologo. Molti parlano correntemente l’inglese e sono per lo più abituati a parlare con i turisti. Fai sapere loro da quale paese provieni, e subito ti diranno la capitale! Potresto portarti dei pennarelli e dei quaderni da regalare (senza scontentare nessuno): i bambini ti disegneranno dei fiori e ti faranno dono dei loro capolavori.

Dove alloggiare a Siem Reap, in Cambogia

La maggior parte delle sistemazioni alberghiere di Siem Reap sono economiche, quindi quando ti verranno presentate diverse opzioni, scegline una che sia economica e accessibile. Raccomando la villa di Sam so Guest House: il signor Sam So è una delle migliori guide di Siem Reap, e conosce perfettamente l’italiano, avendo stidiato all’Università per Stranieri di Siena.

Per circa 10 $ al giorno, avrai la tua camera con bagno privato, TV, A/C e WiFi: bottiglia d’acqua, colazione abbondante,  tè, caffè  e una posizione tranquilla e rilassante.

Sei mai stato a Siem Reap? Fai conoscere la tua esperienza!

 

Lascia un commento

inviaggioconbuddha.org
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: